Passa ai contenuti principali

Sinossi di Stella Cadente - Lettera ai miei figli mai nati


Stella cadente è lo struggente monologo di una donna che sta affrontando la terribile esperienza dell’aborto spontaneo.

È una lettera tormentata, carica di dolore, di rabbia, di angoscia, ma anche di speranza e d’amore, che l’autrice scrive proprio a quel figlio che non nascerà mai.

 “Riverso il buio che mi divora su queste pagine. Grido il mio tormento senza freni e senza remore, senza il timore di essere giudicata o fraintesa, perché tanto tu non puoi far altro che ascoltarmi senza fiatare, sperando che, pezzetto dopo pezzetto, questo strazio che mi avviluppa come sabbie mobili resti qui, incatenato a queste righe e io possa tornare nuovamente a vivere.”

L’aborto spontaneo, purtroppo, è ancora un tabù. C’è un velo di silenzio che copre l’aborto spontaneo che spesso viene visto come qualcosa da celare, da non rivelare a nessuno, come se questo fosse una colpa, una vergogna o un motivo d’imbarazzo.
Con Stella Cadente l’autrice vuole togliere questo velo per dare voce al dolore invisibile che, purtroppo logora tantissime donne, ed essere così d’aiuto a chi ha sofferto o sta ancora soffrendo per un figlio mai nato.
“Dedico questa tormentata lettera a tutte le donne che hanno dovuto affrontare o che stanno affrontando la triste, dolorosa e spaventosa esperienza dell’aborto.Non è però a loro che consiglio la lettura di queste poche, ma intense pagine. Loro, purtroppo, sanno bene di cosa parlo e vorrei evitare di essere per loro motivo di tristezza.Ne consiglio, invece, la lettura ai loro famigliari, ai loro amici e a tutti coloro che vogliono comprendere il tormento e la devastazione che investono una donna quando il figlio che portano in grembo non sopravvive.”





Commenti

Post popolari in questo blog

New: il mio nuovo romanzo "Il Ragno d'Oro e la vendetta degli esiliati" ora disponibile

Dopo "Il Ragno d'Oro e la leggenda della città perduta" tornano le romantiche avventure di Francesca e Alessandro.

Fra le incantate atmosfere delle Valli di Comacchio e Sibilus, lontano e ostile pianeta intriso di magia, s’intrecciano le storie di due donne, distanti fra loro nel tempo, nello spazio e apparentemente senza nulla in comune. In un gioco delle parti dove vittima e carnefice si confondono, Selenia e Francesca dovranno battersi contro tutto e tutti, anche contro loro stesse, per salvare il proprio amore. In questo romanzo fantasy, che segue “Il Ragno d’oro e la leggenda della città perduta”, edito da BookSprint Edizioni, la diciannovenne Francesca sarà costretta ad affrontare la perdita della memoria che la porterà a rasentare la follia e a patire il dolore della solitudine in un mondo che non riconosce più. Si rifugerà allora nei sogni, unico luogo in cui troverà pace e speranza. Ma in fondo all’abisso imparerà a conoscere se stessa e a trovare la forza per eme…

Romanzo Fantasy: Il Ragno d'Oro e la leggenda della città perduta

La tranquilla e noiosa vita di Francesca, studentessa diciannovenne, viene sconvolta quando incontra Alessandro, i cui occhi le sono apparsi in un sogno premonitore capace di farla innamorare. Alessandro, però, nasconde un pericolosissimo segreto: lui non appartiene al mondo degli umani, ma a Spina, città incantata e potente che tutti credono perduta per sempre. Il legame che li unisce è apparentemente inspiegabile, poiché le loro vite non avrebbero mai dovuto incrociarsi, e scatena le ire degli spineti, disposti a tutto pur di preservare il loro segreto; ma è talmente intenso e travolgente che Francesca e Alessandro non riescono ad opporvisi e decidono di vivere il loro amore, mettendo a rischio ciò che hanno di più prezioso: lei la sua stessa vita, e lui ciò per cui molti umani ucciderebbero per avere: il potere e l’immortalità. È il viaggio di Francesca, un po’ Bridget Jones e un po’ principessa, che da ragazza diventa donna, e affrontando le paure e le incertezze che questo comporta,…

Fino a quando

Fino a quando
riuscirai a perderti
nei colori di un tramonto
a stupirti della meraviglia di un'alba
a gioire per il sorriso di un bambino
non avrai perduto il coraggio di lottare

SaraS. (dal romanzo "Il Ragno d'Oro e la leggenda della città perduta")